S.S. Folgore Calcio


Sponsor Principale

Sponsor Tecnico

Ultimi Risultati


11' gg Campionato 2016/17 Folgore 3-0 Faetano

neutra18Folgore - Faetano 3-0 (1-0)
Marcatori: 5' pt Domeniconi, 6’ st Nucci, 25’ st Angelini.

FOLGORE (3-4-3):
Bicchiarelli; Brolli (1’ st Righi), Genestreti (33’ st Aluigi), Berardi; Camillini, Bezzi, Domeniconi, Nucci; Hirsch, Paradisi, Angelini (28’ st Ac. Della Valle).
A disp.: Montanari, Contato, Rossi, T. Guidi.
All. Berardi

FAETANO (4-4-1-1):
Barbanti; Rinaldi, Fonte, Valentini, Ferrari; Tomassoni (41’ st Ercolani), Ugolini, Tubrea, Giardi; Ordonselli (38’ st Carlucci); Bizzocchi (41’ st Moroni ).
A disp.: S. Guidi, Golfi, Macchia.
All. Gespi

Arbitro: Scarpino
Ammoniti: Berardi (FO); Valentini (FA)

DOMAGNANO - Continua il percorso vincente della Folgore, che, dopo la sconfitta ormai archiviata con il Tre Penne di un mese fa, inanella il quarto successo consecutivo tra campionato e Coppa e torna al primo posto del girone B. Per riconquistare la vetta, però, era necessaria una vittoria, visti i tre punti conquistati sabato dalla Libertas, e la vittoria arriva, puntuale e meritata. Il Faetano, privo degli squalificati Della Valle e Raggini, va subito in svantaggio e non riesce a giocarsela alla pari con un avversario più quotato e anche più in giornata.

3-4-3 Nicola Berardi conferma la probabile formazione della vigilia, con l'unica eccezione dell'inserimento tra i titolari di Paradisi al posto di Righi, garantendosi una maggiore spinta offensiva. Nonostante la squalifica di Muccini e l'indisponibilità di Perrotta, la squadra che scende in campo non tradisce le attese e sblocca subito il punteggio con il gran gol di Marco Domeniconi, il quale su assist di Hirsch trova la traiettoria imparabile per Barbanti con la palla che si infila sotto l'incrocio dei pali. La rete è simile a quella segnata alla Juvenes/Dogana appena dieci giorni prima e conferma, se ce ne fosse bisogno, la pericolosità dei giallorossoneri anche dalla trequarti.

SICUREZZA La squadra di Gespi, reduce da due vittorie, vuole difendere il terzo posto nel girone A, ma soccombe di nuovo ad inizio ripresa, quando sul cross di Paradisi la sponda di Angelini porta al raddoppio firmato da Andrea Nucci. Valentini e compagni alla fine si arrendono all'incornata vincente di Michael Angelini, che sovrasta Valentini e sigla il 3-0 che sarà poi anche il risultato finale. La penultima giornata del 2016 sancisce la sicurezza del gruppo di Berardi, perché non mostra più tentennamenti, mantiene la propria porta inviolata e soprattutto riesce a costruire un margine rassicurante sugli avversari, potendo così giocare con una maggiore serenità.

FIORENTINO L'ultima sfida dell'anno solare è ora rappresenta dal Fiorentino, fermato sull'1-1 dal Pennarossa. Un altro successo porterebbe la squadra di Falciano a cominciare la seconda parte della stagione da prima del girone e sopratutto ad accrescere la propria autostima. Come il Faetano, però, anche la squadra di Campo è in lotta per i playoff, per cui non ci si possono concedere cali di concentrazione né tantomeno sottovalutare l'impegno.

L'addetto stampa
Giacomo Santi


3' gg Coppa Titano Folgore 2-0 Juvenes/Dogana

Giocatori Folgore Calcio Ph©FPF/Filippo Pruccoli

Folgore - Juvenes/Dogana 2-0 (0-0)
Marcatori: 26' st Domeniconi, 34' st Paradisi

Folgore (3-4-3):
Montanari; Berardi, Bezzi, Genestreti; Righi, Domeniconi, Tosi (11' st Brolli), Rossi; Paradisi (41' st Camillini), Ac. Della Valle, Burioni (11' st Hirsch).
A disp.: Bicchiarelli, Nucci, Angelini, Aluigi.
All.: Berardi

Juvenes/Dogana (4-4-2):
Manzaroli; Mantovani, Al. Della Valle, Villa, Merlini; Canini (27' pt Zafferani), Gasperoni, Santini (38' st Colombini), T. Cavalli; Sorrentino, Mariotti (15' st Friguglietti).
A disp.: Gobbi, N. Cavalli, Raschi.
All.: Ceramicola

Arbitro: Avoni
Ammoniti: Genestreti (F); Canini (J/D).

San Marino Stadium (Serravalle) - Due risultati su tre per mantenere il comando del girone di Coppa Titano, uno solo - la vittoria, ovviamente - per mettere una seria ipoteca sul passaggio del turno: con queste premesse la Folgore affronta la terza giornata della Coppa nazionale e si trova di fronte la Juvenes/Dogana, reduce da un buon momento ed in cerca di continuità. Il campo alla fine dà comunque ragione alla squadra di Falciano, che grazie ai gol di Domeniconi e Paradisi vede i quarti di finale.

INSIDIE - Il tecnico Berardi alla vigilia aveva avvertito di non sottovalutare il campo, più ampio di quello su cui si gioca normalmente, né gli avversari, che con un successo riaprirebbero completamente la corsa per i primi due posti. Se la Folgore però riesce a giocare come sa fare e ad evitare delle disattenzioni che possono costare caro si può togliere delle belle soddisfazioni. Ed è proprio ciò che accade negli ultimi venti minuti, quando vengono decise le sorti dell'incontro.

BUON RITMO - Con una formazione ancora una volta diversa dalle precedenti, dove spicca l'esordio da titolare di Filippo Burioni, Della Valle e compagni danno vita ad una buona prova, l'incontro è equilibrato e sono relativamente poche le occasioni per sbloccare lo 0-0. Ci provano in sequenza Bezzi di testa e Paradisi da fuori ma entrambi sono imprecisi, mentre un lancio morbido sorprende la difesa giallorossonera e mette Zafferani in condizione di entrare in area e andare alla conclusione da buona posizione, alta di poco.

SOTTO PRESSIONE - La formazione di Dogana non si può accontentare del pari e inizia a spingere con una certa insistenza. La difesa giallorossonera, sotto pressione, deve ringraziare Simone Montanari, autore di un paio di interventi decisivi, specie sul tiro a botta sicura del neo entrato Friguglietti.

REAZIONE - La pronta risposta porta la firma di Hirsch, il quale dà il via all'offensiva vincente che porta al tiro sotto la traversa di Domeniconi. Stabilite le gerarchie, ora non resta che mettere il risultato al sicuro ed evitare che delle disattenzioni vanifichino tutto. Ecco che allora ci pensa Luca Paradisi su calcio di punizione con una traiettoria perfetta sotto l'incrocio alla sinistra di un incolpevole Manzaroli. Il 2-0 mette il sigillo sulla partita e, forse, anche sul discorso qualificazione visto che con ancora tre incontri da giocare la Folgore ha sei punti in più proprio sulla Juvenes terza e lo scontro diretto a favore.

L'addetto stampa
Giacomo Santi


9' gg Campionato 2016/17 Virtus 1-2 Folgore

neutra22Virtus - Folgore 1-2 (0-0)
Marcatori: 20' st Aruci, 30' st Angelini, 44' st Hirsch

Virtus (4-4-2):
Valentini; Dominici, Cesari (47' st Tosi), Zannoni (16' st Innocenti), Brici; Lusini, L. Nanni, Sacco, Semprini; Aruci, Campidelli.
A disp.: La Monaca, Moroni, M. Nanni, Baschetti, A. Righi
All.: Sperindio
Folgore (4-3-3):
Bicchiarelli; Brolli, Muccini, Nucci, Bezzi; Genestreti, Domeniconi (26' st Della Valle), Hirsch; Camillini, Angelini, Paradisi (39' st Burioni).
A disp.: Montanari, Berardi, Perrotta, L. Righi, Aluigi
All.: Berardi

Arbitro: Szeles
Ammoniti: Sacco, Zannoni (V); Muccini, Paradisi (F)
Espulso: 19' st Sacco per doppia ammonizione

DOMAGNANO - Doveva essere la domenica del controsorpasso sulla Libertas e così è stato. Se due settimane fa la vittoria di misura del Tre Penne sulla Folgore aveva portato al primo posto Simoncini e compagni, questa volta sono proprio i granata a restare beffati dal pareggio a reti bianche con la Juvenes/Dogana e, dopo le reti odierne di Angelini e Hirsch, a dover rinunciare alla vetta.

RIVELAZIONE - La settima vittoria in campionato non è così scontata come potrebbe sembrare, perché la Virtus con l'arrivo ad inizio stagione di Sperindio ha cambiato volto e sta contendendo alla Fiorita il predominio nel girone A. Il risultato infatti resta in bilico per gran parte della partita, grazie ad una buona prestazione dei neroverdi, che non partono per battuti e si giocano le loro carte, andando vicini addirittura al successo.

CONFERME - Dall'altra parte si attendono conferme da parte di una Folgore tornata alla vittoria nel turno infrasettimanale ed intenzionata a continuare su questa strada. Il rientro di Michael Angelini dalla squalifica oltre al ritorno tra i titolari di Domeniconi non può che impreziosire la qualità in campo e spianare la strada verso una possibile vittoria.

DOMINIO - La squadra di Nicola Berardi fa la partita e costringe gli avversari ad agire di rimessa ma non basta per sbloccare l'incontro. Angelini e Hirsch hanno delle buone chance, in particolare con quest'ultimo che da ottima posizione si fa ipnotizzare da Valentini. Bicchiarelli è decisivo con un gran intervento sulla conclusione insidiosa di Sacco, poi Brolli mette fuori causa Valentini ma questa volta è il palo a negare il gol.

BEFFA - Dal momento che il maggiore gioco espresso sembra non risultare decisivo per spostare l'equilibrio dalla parte di Falciano, la seconda ammonizione per simulazione ai danni di Sacco potrebbe essere l'episodio decisivo. E decisivo in effetti lo è, ma in senso opposto a quanto ci si potesse attendere, perché carica i compagni rimasti in campo e dà la forza ad Armando Aruci di segnare inaspettatamente con un'azione che spiazza la difesa giallorossonera.

LIETO FINE - Si è visto in ben più di una situazione che la squadra in superiorità numerica facesse fatica ad esprimere concretamente il vantaggio, non è questo però il caso, perché la Folgore dimostra ancora una volta carattere e ribalta il punteggio con un uno-due firmato, guarda caso Angelini e Hirsch. Il primo sfrutta di testa un'uscita da rivedere di Valentini, il secondo ribadisce in rete il pallone che sulla conclusione di Bezzi si era stampato sul palo. Entrambi assicurano quindi la seconda vittoria consecutiva e soprattutto i sorrisi per una mentalità che pare essere tornata vincente.

L'addetto stampa
Giacomo Santi


Tutti i risultati

News


05-12-2016 - Andrea Nucci: "Ci aspettavamo la vittoria col Faetano"

San Marino,squadra Folgore Calcio Ph©FPF/Filippo Pruccoli

Mostrano soddisfazione e convinzione nella propria squadra le parole di Andrea Nucci, a segno nella vittoriosa partita con il Faetano valevole per l'undicesima giornata di campionato: "Ce l'aspettavamo (la vittoria, ndr) perché stiamo lavorando bene da diverso tempo. Il Faetano è una squadra molto ben organizzata e preparata anche a livello tattico, tuttavia io credo pienamente in me e nei miei compagni di squadra, quindi sinceramente mi aspettavo di vincere questa partita, non voglio peccare di presunzione o di mancanza di rispetto nei confronti del Faetano che ha letto molto bene la partita.

Il mio gol - afferma riguardo alla sua marcatura che ha portato al raddoppio - è nato da un'incursione dalla destra, Angelini ha colpito la palla, che è rimasta lì e poi anche con una deviazione del difensore è entrata. È stato fortuito come gol, niente di particolare. È stato importante, ma devo ammettere che anche senza il mio gol abbiamo subito pochissimo, quindi in campo non abbiamo mai avuto la tensione della paura di prendere gol, abbiamo sempre giocato noi, dal punto di vista del risultato abbiamo avuto un po' più di serenità, confermata anche con il terzo gol di Michael (Angelini, ndr), però abbiamo sempre avuto il pallino della partita".

Sabato il Fiorentino sarà l'ultima squadra da affrontare prima della sosta natalizia e in palio ci sono altri punti importanti: "Noi vogliamo arrivare primi del girone a fine anno ad aprile, però vogliamo sicuramente finire quest'ultima partita rimanendo primi per fare le vacanze nel migliore modo possibile. Ce la stiamo mettendo tutta e penso che ce lo meritiamo anche. Abbiamo avuto un paio di settimane in cui anche per la mancanza di Angelini e Perrotta qualche risultato non è venuto però sono contento per come sta andando in questo momento. Noi abbiamo sempre il massimo rispetto per gli avversari, ma prepariamo le partite nel migliore modo possibile, anche conoscendo gli avversari stessi, non abbiamo paura di nessuno, quindi il nostro obiettivo è sempre di vincere.

Una rete anche nella prossima partita? Sarà dura, non sono uno che fa molti gol. Il gol lo vivo in maniera abbastanza marginale, nel senso che una volta che vinciamo sono più che soddisfatto".

L'addetto stampa

Giacomo Santi


03-12-2016 - Campionato, domani Folgore - Faetano

San Marino,squadra Folgore Calcio Ph©FPF/Filippo Pruccoli

Dopo il turno di riposo osservato nello scorso fine settimana - che ha visto il sorpasso del Tre Penne che ora guida il gruppo B - la Folgore torna in campo per gli ultimi due impegni del 2016 e vuole chiudere nel migliore dei modi, possibilmente riconquistando il primo posto. Domani la squadra di Nicola Berardi affronta il Faetano, che deve fare a meno degli squalificati Della Valle e Raggini, mentre sabato 10 dicembre sarà il Fiorentino a contendersi gli ultimi tre punti dell'anno solare. Entrambe le avversarie lottano per una posizione utile ai playoff nel girone A, per cui si presenteranno agguerrite e non devono essere sottovalutate.
Il tecnico della Folgore, privo di Manuel Muccini, può comunque contare su una formazione che, dieci giorni dopo la vittoria in Coppa Titano con la Juvenes/Dogana, è vogliosa di fare bene e allungare la striscia di risultati utili.
Si gioca domani a Domagnano alle ore 15:00 agli ordini del signor Piccoli. Questa la probabile formazione (3-5-2): Bicchiarelli; Brolli, Genestreti, Berardi; Righi, Nucci, Bezzi, Domeniconi, Camillini; Hirsch, Angelini.
A disposizione: Montanari, Rossi, Tosi, Burioni, Paradisi, Perrotta, Della Valle.


25-11-2016 - Marco Domeniconi ringrazia la società

Giocatori Folgore Calcio Ph©FPF/Filippo Pruccoli

"L'azione prima abbiamo rischiato di prendere gol, è stato bravo Montanari a bloccare il tiro di Friguglietti, era un momento in cui anche il campo non aiutava, perché, abituati a giocare sul sintetico, passare ad un campo in parte in erba e in parte in sintetico è un po' difficile. Noi avevamo cambiato abbastanza dalla domenica precedente, la Juvenes è una buona squadra per cui eravamo un po' in difficoltà. Poi per fortuna è arrivato il gol: ci ha messo molto del suo Hirsch perché ha fatto un gran lavoro sulla fascia, parecchio merito è suo. Ci è andata bene perché da lì in poi ci siamo sbloccati, abbiamo trovato il secondo gol e dopo è stata più semplice". Marco Domeniconi racconta così il momento decisivo di mercoledì scorso, quando ha risolto una partita che si stava complicando e ha contribuito alla conquista di altri tre punti che portano la Folgore ad un passo dai quarti di Coppa Titano.

E sul suo gol aggiunge: "L'ho presa bene, ho preso in controtempo il portiere, sono contento, nonostante le occasioni mi capitino non faccio molti gol durante l'anno, questa volta è andata bene, è servito per la vittoria per cui è una doppia soddisfazione. La cosa importante era vincere, magari potevamo gestire con il fatto che abbiamo vinto le prime due però così ci siamo portati avanti per quel che riguarda la qualificazione, uno degli obiettivi della stagione. La rosa è importante, è stata costruita per fare e vogliamo arrivare in là in entrambe le competizioni.

Dediche particolari non ne faccio, però voglio ringraziare il gruppo Folgore, perché comunque sia sono arrivato in un secondo momento quest'estate, avevo deciso di riprovare l'avventura in Italia invece poi mi sono reso conto, con li lavoro, la famiglia e tutto il resto, di non riuscire a compensare tutto. Nonostante avessero già delle idee sulla squadra mi hanno ripreso, per cui un grazie oltre che ai compagni lo devo anche alla società".

Questo fine settimana la Folgore non scende in campo perché osserva il turno di riposo. Prima della chiusura del 2015 ci sono comunque le gare con Faetano e Fiorentino, con due buoni risultati anche in campionato la qualificazione ai playoff sarebbe più vicina. "La speranza è quella, si va in campo per fare meglio possibile. Siamo consapevoli della nostra forza perché la squadra è costruita per fare bene. Appena vengono a mancare uno o due giocatori il ricambio è sempre all'altezza e questa è la nostra forza, rispettiamo le altre squadre ma non abbiamo paura di nessuno, anche perché una volta che si è consapevoli dei propri mezzi non penso che si debba avere paura degli altri, dopo è il campo che parla.

Le continue pause spezzano il ritmo? Da un certo punto di vista sì, perché il ritmo che ti dà la partita magari in allenamento fai fatica ad averlo, ma noi anche a livello di allenamento siamo sempre 18-19 per cui qualsiasi cosa fai riesci a simulare quello che fai poi in partita e questa è una fortuna. Molte partite le abbiamo vinte o giocate meglio dal 70' in poi quando le altre squadre mollano un pochino perché negli allenamenti non hanno la stessa fortuna che abbiamo noi, quella di allenarci sempre al massimo. Il fatto di giocare e poi fermarsi un po' può avere influito in maniera negativa però dall'altro punto di vista riusciamo a sopperire a questa difficoltà con quello che mettiamo in allenamento".

Come detto, la decima giornata di campionato, la terza della fase ad intergirone, che si gioca tra domani e domenica non vedrà scendere in campo la Folgore. Il gruppo, agli ordini di Nicola Berardi, lavorerà per preparare al meglio il prossimo appuntamento contro il Faetano, previsto per domenica 4 dicembre sul sintetico di Domagnano.

L'addetto stampa

Giacomo Santi

 


Tutte le News