S.S. Folgore Calcio

Ritorno semifinali di Coppa Titano, Folgore 2 – 1 Tre Penne

S.S. Folgore Calcio > Risultati > Ritorno semifinali di Coppa Titano, Folgore 2 – 1 Tre Penne

Ritorno semifinali di Coppa Titano, Folgore 2 – 1 Tre Penne

FOLGORE -TRE PENNE 2-1 (0-0)
Marcatori: 10’ st Dormi, 36’ st Angelini, 45’ st Sartori

FOLGORE (4-2-3-1):
Venturini; Sartori, Bossa, Brolli, L. Rossi (31’ st Lessi); Sacco, Bezzi; Dormi, Domeniconi, Bernardi (28’ st Serafini); Innocenti (22’ st Semeraro).
A disp.: Russo, Sabbadini, Della Valle, Venerucci.
All.: Oscar Lasagni

TRE PENNE (4-2-3-1):
Migani; Palazzi, Fraternali, Genestreti, Merendino; Gai, Patregnani; Ura, Cibelli (13’ st Chiaruzzi), Ceccaroli (13’ st Santini); Angelini.
A disp.: Lanzoni, A. Rossi, Zafferani, Calzolari, Marigliano.
All.: Stefano Ceci

Arbitro: Barbeno
Assistenti: Lunardon – Zanotti
Quarto ufficiale: Ucini
Ammoniti: L. Rossi, Brolli, Semeraro (F); Patregnani, Angelini, Merendino, Chiaruzzi (TP).
Espulsi: Patregnani (TP) al 42’ pt per doppia ammonizione, Gai al 48’ st per un grave fallo di gioco
Angoli: 3-4
Recupero: 1’ pt, 6’ st

MONTECCHIO – Finale! La Folgore dopo 96 minuti di grande tensione può finalmente liberare l’urlo in gola e festeggiare un traguardo importante. La qualificazione all’ultimo atto di Coppa Titano è meritata e giunge a scapito del Tre Penne, battuto con un rocambolesco 2-1. Il vantaggio firmato Lorenzo Dormi, autore di una precisissima rasoiata all’angolino del primo palo, arriva con i biancazzurri in dieci per la doppia ammonizione a Partegnani, Angelini però mette tutto in discussione e allora è una punizione di Francesco Sartori a evitare i supplementari e firmare il verdetto. Il nervosisimo, specie sulla sponda di Città, gioca due brutti scherzi, perché, oltre Patregnani, anche Gai viene cacciato da Barbeno per un brutto fallo a tempo scaduto.

DENTRO O FUORI Il pareggio senza reti della scorsa settimana equipara il ritorno ad una gara ad eliminazione diretta. I 90 minuti potrebbero non essere sufficienti per decretare un vincitore e gli extra time sono una possibilità di cui tenere conto. Le assenze di Andrea Nucci e Imre Badalassi sono pesanti ma non impediscono di vedere una Folgore volenterosa e propositiva, che cerca da subito il comando delle operazioni e di gestire il possesso palla. Fraternali di testa su calcio d’angolo spaventa Venturini ma manda a lato, poi anche il duo Innocenti – Domeniconi ci prova due volte nella stessa ripartenza, trovando Migani preparato. Se i valori sono molto simili e l’equilibrio è evidente, è un atteggiamento agonistico spesso sopra le righe il tema dei primi 45 minuti: in breve tempo Barbeno estrae quattro volte il cartellino giallo, per poi allontanare dal campo Luca Patregnani per un’entrata pericolosa su Domeniconi. Con l’uomo in meno, il Tre Penne si chiude, ma Dormi trova un varco per il suo mancino chirurgico. L’ex Rimini e Cosmos si vuole ripetere con un altrettanto preciso tiro a giro all’incronco dei pali, questa volta Migani salva il risultato e tiene a galla i suoi. È a questo punto che una disattenzione innesca un veloce contropiede, Ura elude l’uscita di Venturini e Angelini non deve fare altro che appoggiare in rete. La doccia fredda fa calare il ritmo e i supplementari diventano più realistici; l’uomo in più però si sente e allora il neo entrato Semeraro da 30 metri chiama Migani ad un difficile intervento. Una punizione sulla tre quarti, la specialità di Francesco Sartori, allo scoccare del 90’ diventa perciò l’episodio decisivo: palla sopra la barriera e poi nell’angolino sul primo palo. A Gai saltano i nervi, il Tre Penne chiude in nove e cede il passo alla Folgore: venerdì sera ci sarà un’altra battaglia contro il Tre Fiori.