S.S. Folgore Calcio

Risultati

S.S. Folgore Calcio > Risultati

3’ g campionato, La Fiorita 0 – 2 Folgore

LA FIORITA – FOLGORE 0-2 (0-0)
Marcatori: 2′ st Gennari, 27′ st Mainardi

LA FIORITA: Amati, G. Scarponi, M. Scarponi, Mazza, El Attar, G. Bernardi, Forcellini, Leone, Righi, Bartolomeo, Marchetti, Cenni.

FOLGORE: Ottaviani, Conti, Allasia, Mainardi, Pelliccioni, Contato, Gennari, Bernardi, Giorgini, Zanchi.
All.: Traviglia

Arbitro: Clementi
Assistente: Tonelli
Ammoniti: El Attar, G. Bernardi, M. Scarponi (LF); Zanchi (F).

DOGANA – Altra serata da incorniciare per la Folgore, che contro la Fiorita ottiene il terzo successo su tre grazie ad una prova positiva. Si decide tutto nella ripresa di una gara combattuta e forse meno spettacolare delle altre. Dopo i primi trenta minuti senza reti, i maggiori sforzi della squadra di Falciano vengono premiati dal tap in di Alessandro Gennari e così i gialloblù devono inseguire. La gara però è tutt’altro che decisa, perché il rischio di subire il pareggio è sempre in agguato e così è Massimiliano Bernardi a innescare l’azione decisiva che porta alla prima rete stagionale di Giacomo Mainardi: raddoppio che toglie il fiato alla Fiorita e di fatto chiude i giochi. Tre su tre e primato in solitaria visto il turno di riposo osservato dal Fiorentino; proprio i rossoblù sono i prossimi avversari, in un match che si preannuncia come la prova del nove per i ragazzi di Traviglia.

3′ giornata Partita Risultato Campo
15/10/18 20:15 Murata – Virtus 2-0 Domagnano
15/10/18 20:15 Libertas – Tre Fiori 2-8 Fiorentino
15/10/18 20:15 La Fiorita – Folgore 0-2 Dogana
15/10/18 21:45 Cosmos – Juvenes/Dogana  0-6 Dogana
15/10/18 21:45 Domagnano – San Giovanni  7-0 Domagnano
15/10/18 21:45 Tre Penne – Pennarossa  4-1 Fiorentino

 

Girone A Punti PG GF GS
Folgore 9 3 11 5
Fiorentino 6 2 13 2
Tre Penne 6 3 11 5
Domagnano 4 3 13 8
Pennarossa 1 2 4 7
San Giovanni 0 2 1 14
La Fiorita 0 3 1 15

 

Girone B Punti PG GF GS
Murata 9 3 14 2
Juvenes/Dogana 6 2 17 0
Tre Fiori 6 3 14 5
Virtus 3 2 4 3
Libertas 3 3 8 18
Faetano 0 2 1 16
Cosmos 0 3 2 15

 

2’ g campionato futsal, Folgore 4 – 2 Tre Penne

FOLGORE – TRE PENNE 4-2 (3-2)
Marcatori: 18’ pt Valli, 23’ Contato, 24’ pt Boschi, 26’ pt Giorgini, 29’ pt Bernardi, 20’ st Pelliccioni

FOLGORE: Ottaviani, Mainardi, Bernardi, Gennari, Zanchi.
A disp.: Conti, Allasia, Pelliccioni, Contato, Tassitano, Giorgini.
All.: Traviglia

TRE PENNE: Bollini, L. Boschi, Carlucci, Valli, Francesconi.
A disp.: Macaluso, M. Boschi, Dominici, Gabrieli, Gozi, Guidi, Rattini.
All.: Cellarosi

Arbitro: Borghetti
Assistente: Delvecchio
Ammoniti: Gabrieli, Valli (TP)

DOGANA – Dopo il Domagnano ora tocca al Tre Penne: un’altra squadra blasonata si ritrova a fare la vittima sacrificale al cospetto di una Folgore che vuole riscattare con gli interessi la scorsa stagione, a dir poco deludente. Nel 4-2 che certifica lo stato di salute dei ragazzi di Traviglia sono decisivi ancora i nuovi innesti Contato, Giorgini e Bernardi, oltre alla realizzazione finale di Pelliccioni, fondamentale per tenere a distanza gli avversari.
Gara equilibrata e piacevole da vedere. 18 minuti di tatticismi poi Matteo Valli trova un varco e dà il via ad una girandola di emozioni che portano cinque reti in dieci minuti. Boschi centra l’incrocio dei pali, poi Contato ribalta la situazione rubando palla poco oltre il centrocampo ed eludendo l’intervento di Bollini. Il pareggio appena ripristinato dura però meno di sessanta secondi, perché Boschi riporta in vantaggio i biancazzurri. Giorgini, entrato a partita in corso, risponde presente nel momento del bisogno e trascina i suoi con il nuovo pareggio, frutto di una bella iniziativa, e con una perfetta triangolazione che esalta la corsa di Bernardi. La rimonta subita spegne la squadra di Città, che non fa abbastanza per riaprire i giochi. Andrea Pelliccioni invece li chiude con il sigillo del 4-2, giunto a dieci dal termine con i biancazzurri sbilanciati in avanti.
Ottaviani e compagni festeggiano così la seconda vittoria in sette giorni e confermano quanto di buono si era già visto contro il Domagnano. La strada intrapresa è quella giusta e suggerisce che se la giocheranno senza paura con tutti: attenzione alla Folgore.

 

2′ giornata Partita Risultato Campo
11/10/18 20:15 Faetano – Libertas 1-5 Fiorentino
11/10/18 20:15 Pennarossa – Domagnano 3-3 Domagnano
11/10/18 20:15 Virtus – Cosmos 4-1 Dogana
11/10/18 21:45 Fiorentino – La Fiorita 6-1 Domagnano
11/10/18 21:45 Folgore – Tre Penne 4-2 Dogana
411/10/18 21:45 Tre Fiori – Murata 1-2 Fiorentino
Girone A Punti PG GF GS
Fiorentino 6 2 13 2
Folgore 6 2 9 5
Tre Penne 3 2 7 4
Pennarossa 1 1 3 3
Domagnano 1 2 6 8
San Giovanni 0 1 1 7
La Fiorita 0 1 1 11
Girone B Punti PG GF GS
Murata 6 2 12 2
Juvenes/Dogana 3 1 11 0
Virtus 3 1 4 1
Tre Fiori 3 2 6 3
Libertas 3 2 6 10
Cosmos 0 2 2 9
Faetano 0 2 1 16

3’ g campionato 2018/19, Folgore 2 – 1 Juvenes/Dogana

FOLGORE – JUVENES/DOGANA 2-1 (2-1)
Marcatori: 3’ Bernardi, 22’ pt Villa, 38’ pt Sartori 

FOLGORE (4-2-3-1):
Bicchiarelli; Sartori, Sacco, Bossa, Nucci; Aluigi (30’ st Casadei), Bezzi; Gravina (18’ st Domeniconi), Basile, Bernardi; Badalassi (41’ st Venerucci).
A disp.: R. Raschi, Brolli, Innocenti, Sabbadini.
All.: Oscar Lasagni

JUVENES/DOGANA (4-3-3):
Guerra; M. Mantovani, Cacchi (46’ st T. Raschi), Villa, Quaranta (28’ st Gatti); Gasperoni, D’Elia, Bacchiocchi; Cevoli (15’ st Rossi), Antonioni, Sorrentino.
A disp.: Gobbi, Merlini, Zafferani, Canini.
All.: Massimo Mancini

Arbitro: Avoni
Assistenti: Cristiano – Zaghini
Quarto uomo: Notarpietro

Ammoniti: Bossa (F); Quaranta, Rossi, Villa, Cacchi (J/D).
Angoli 3-10
Recupero: 1’ pt, 4’ st

MONTECCHIO – Folgore, Pennarossa e Tre Fiori a punteggio pieno. La terza giornata premia le tre formazioni che restano agganciate in vetta al girone B e, complice la sorprendente sconfitta del Tre Penne contro il Murata, mettono una seria ipoteca sulla qualificazione al girone da otto della seconda fase. La squadra di Lasagni, contro la Juvenes/Dogana, ottiene il bottino pieno vincendo 2-1 grazie al secondo vantaggio con la punizione di Francesco Sartori.

ARIA DI DERBY Il derby di Serravalle costituisce già un potenziale spartiacque dal momento che, con la nuova formula, l’importante è arrivare tra le prime quattro al termine della prima fase, costituita da un girone all’italiana con gare si sola andata. Restare a punteggio pieno dopo il 7-1 sul Murata e il 3-0 a tavolino sul Tre Penne vorrebbe infatti dire sei lunghezze di margine sulla quinta a quattro gare dal termine ma anche il pareggio potrebbe andare bene. Stefano Sacco prende il posto di Cristian Brolli al centro della difesa e la squadra, schierata con il consueto 4-2-3-1, parte molto bene. Il vantaggio giunge in apertura di match con Gravina che dalla destra cerca il secondo palo, Bernardi raccoglie una corta respinta e scavalca Guerra proteso in tuffo facendo rimbalzare il pallone a terra. Il raddoppio potrebbe arrivare sul contropiede di Badalassi, bravo a servire Basile in zona tiro, ma l’esito è da rivedere. Nella formazione di Massimo Mancini si distingue Antonioni, dai cui piedi partono cross molto pericolosi e che in effetti mettono in difficoltà la retroguardia giallorossonera. L’ex Murata di testa va vicino al pareggio, poi il suo corner diventa un assist per Villa, lasciato libero di incornare l’1-1. Nucci e compagni soffrono i calci piazzati, perché ancora una volta Sorrentino è in grado di colpire di testa ma stavolta Bicchiarelli c’è e si salva grazie anche alla traversa.

NUOVO VANTAGGIO Il periodo di difficoltà è momentaneo e alle prime spinte offensive il gioco torna in mano alla Folgore. Che sfiora il gol con la rasoiata di Nucci dal limite e poi lo trova grazie ad una precisa punizione di Sartori, con palla oltre la barriera e a fil di palo. Nel finale di tempo Badalassi attira Guerra fuori dai pali e mette in mezzo, Basile tira a botta sicura ma Villa salva sulla linea. Il capitano della Juvenes evita un 3-1 che avrebbe chiuso il confronto e così Bicchiarelli è chiamato agli straordinari per portare il vantaggio fino in fondo. Antonioni e Bacchiocchi sbattono contro l’ex San Marino, sempre attento a non farsi superare. Sul finire di gara Badalassi sorprende Cacchi, che, dopo essersi fatto soffiare il pallone da sotto il naso, lo travolge: per Avoni è solo ammonizione ma si sollevano numerose proteste per avere interrotto una chiara occasione da rete. Possibile espulsione o no, alla fine la vittoria arriva comunque, meritata, dopo quattro minuti di attesa oltre il novantesimo.

TRE SU TRE Il terzo successo in altrettante partite issa la Folgore al primo posto insieme a Tre Fiori e Pennarossa. La posizione finale della prima fase conta relativamente, basta rientrare tra le prime quattro e questo è ormai molto vicino. Ora bisogna concentrarsi sullo scontro diretto con il Tre Fiori dopo la sosta, già importante in ottica playoff.

1′ g campionato 2018/19, Folgore 5 – 3 Domagnano

FOLGORE – DOMAGNANO 5-3 (3-0)
Marcatori: 19’ pt, 27’ pt Giorgini, 20’ pt, 31’ st Bernardi, 14’ st Menghi, 16’ st Zanchi, 18’ st Burgagni, 19’ st L. Pelliccioni

FOLGORE: Ottaviani, Mainardi, Gennari, Bernardi, Zanchi.
A disp.: Conti, Allasia, A. Pelliccioni, Contato, Tassitano, Giorgini.
All.: Traviglia

DOMAGNANO: Stefanelli, Cupi, Zanfino, L. Pelliccioni, Marcucci.
A disp.: Bugli, Burgagni, Bonfini, Menghi, Villa, Dolcini, M. Bollini, L. Bollini.
All.: Mussoni

Arbitro: Piccoli
Assistente: Ercolani
Ammoniti: Mainardi (F); Zanfino, L. Pelliccioni (D)
Espulsi: Zanfino per doppia ammonizione al 28’ pt, Cupi per gioco pericoloso al 27’ st

DOMAGNANO – Uno su uno. Comincia nel segno della vittoria il percorso della nuova Folgore, che supera il Domagnano 5-3, frutto di un ottimo primo tempo e di una ripresa difficile e impegnativa.
Si nota subito che rispetto allo scorso anno le premesse sono diverse, decisamente migliori: contro una buona squadra come quella giallorossa il ritmo gara è buono e si ha l’impressione che la preparazione delle ultime settimane agli ordini di Fabio Traviglia stia producendo gli effetti sperati. L’equilibrio si spezza all’altezza del ventesimo minuto con un uno-due firmato Giorgini – Bernardi: l’ex Cosmos trova la prima rete con la nuova maglia grazie ad un colpo vincente da fuori, poi Bernardi lo segue a ruota con il tap in del raddoppio. Il Domagnano rischia seriamente di uscire dalla partita quando Giorgini chiude i primi trenta minuti di gioco sul 3-0, ma, nonostante anche l’espulsione di Zanfino per doppia ammonizione, prova a rientrare in gara con il gol di Meghi. Il vantaggio non è più così sicuro, nemmeno dopo che Zanchi ristabilisce le tre reti di distanza grazie anche alla deviazione forse decisiva dello stesso Menghi, perché i giallorossi credono nella rimonta e i ragazzi di Traviglia perdono lucidità. Si spiegano così gli ampi spazi concessi proprio davanti alla porta di Ottaviani che permettono a Burgagni e Pelliccioni di accorciare nuovamente. Il rischio di vedersi sfuggire la vittoria mette pressione, mentre il Domagnano tenta il tutto per tutto e gioca con un portiere di movimento. È proprio questo il fattore che, insieme all’espulsione di Cupi, decide le sorti del match, dal momento che Massimiliano Bernardi, dopo aver fallito più volte la doppietta, dalla propria metà campo centra lo specchio avversario e fa calare i titoli di coda. Finale sofferto ma il risultato c’è: si deve lavorare, però lo si può fare con il sorriso sulle labbra.

2’ g campionato 2018/19, Folgore – Tre Penne 0-0

FOLGORE – TRE PENNE 0-0

FOLGORE (4-2-3-1):

Bicchiarelli; Sartori, Brolli, Bossa, Nucci; Domeniconi (35’ st Venerucci), Bezzi; Gravina (40’ st Aluigi), Basile, Bernardi; Badalassi (24’ st Sacco).

A disp.: Raschi, Casadei, Innocenti, Sabbadini.

All.: Lasagni

TRE PENNE (4-3-3):

Migani; Palazzi (20’ st Marigliano), Fraternali, Genestreti, Merendino; Gasperoni, Patregnani, Gai; Cibelli (33’ st Rossi), Angelini, Simoncelli (43’ st Albani).

A disp.: Lanzoni, Santini, Zafferani, Cesarini.

All.: Bizzotto

Arbitro: Albani

Assistenti: Tuttifrutti – Gallo

Ammoniti: Domeniconi, Sartori (F); Gai, Angelini (TP).

Angoli: 6-8

Recupero: 0’ pt, 4’ st

DOMAGNANO – Termina senza reti l’atteso confronto tra Folgore e Tre Penne: lo 0-0 finale, frutto di una gara combattuta e con diverse occasioni da rete da una parte e dall’altra, è il classico esempio di uno spettacolo in cui manca soltanto il gol. 

GARA SENTITA Il big match di giornata nel rinnovato impianto di Domagnano trova due formazioni già in forma, lo dimostrano le larghe vittorie con le quali nello scorso weekend i giallorossoneri hanno superato il Murata (7-1) e i biancazzurri la Virtus (8-0). La gara odierna assegna quindi punti importanti, dal momento che entrambe, secondo la nuova formula del campionato, vogliono rientrare tra le prime quattro al termine della prima fase. Lasagni schiera Nucci terzino sinistro, mentre davanti, a supporto di Badalassi, si affida ai centimetri di Bernardi e alle giocate di Gravina e Basile. Sono proprio i primi due a creare la prima occasione, con l’ex Genestreti che anticipa Bernardi. Il club di Città, dopo un inizio lento, guadagna metri e impensierisce Bicchiarelli con Gasperoni e l’altro grande ex di giornata, Michael Angelini. Momenti di apprensione per Brolli, che dopo un contatto con Simoncelli resta a terra dolorante ad una caviglia; il cambio però viene scongiurato e il Nazionale Sammarinese, stringendo i denti, riesce a portare a termine la gara.

BRIVIDI E SOSPIRI Fraternali, allo scadere del primo tempo, in scivolata dà l’illusione di deviare nella propria porta il traversone teso di Bernardi, ma per sua fortuna la palla termina in corner. Dal possibile vantaggio al possibile svantaggio il passo è breve, perché Cibelli, da ottima posizione, colpisce in pieno la traversa. La Folgore però ci crede e con Bezzi, colpo di testa alto, e Nucci, conclusione centrale che non spiazza Migani, si propone con vivacità. Manca solo il gol per una partita giocata a buon ritmo, gol che potrebbe arrivare sul tentativo deciso di Domeniconi e invece  si tramuta in angolo. Lasagni toglie uno stanco Badalassi e, nei minuti conclusivi, Domeniconi e Gravina; Bizzotto invece cerca la spinta di Marigliano per fare il colpaccio, ma alla fine il pareggio sembra essere il risultato più giusto ed accontentare tutti.

3-0 A TAVOLINO? Bisogna però fare i conti con il regolamento nuovo introdotto quest’anno, che impone la presenza di almeno due sammarinesi in campo. Nelle fila del Tre Penne, dopo la sostituzione di Cibelli all 33’ della ripresa, resta in campo il solo Gasperoni e questa situazione, infrangendo tale regola, è passibile di sconfitta a tavolino. Si dovrebbe andare quindi verso il 3-0 per la squadra di Falciano, decisione che verrà presa dal Giudice Sportivo presumibilmente nella giornata di martedì.

1’ g campionato 2018/19, Murata 1 – 7 Folgore

MURATA – FOLGORE 1-7 (0-5)
Marcatori: 20’ pt, 14’ st Badalassi, 34’ pt Basile, 37’ pt, 45’ pt Gravina, 43’ pt rig. Sartori, 32’ st rig. Pieri, 45’ st Innocenti

MURATA (4-4-2):
Renzetti; Ortibaldi (16’ st Gomez Lopez), Albani, Musta, Cavalli (1’ st Fall); Muggeo, Cecchetti (1’ st Nanni), Seccia, Sosa; Pieri, Di Filippo.
A disp.: Meroi Gennari, E. Venerucci, Vagnetti, Geri.
All.: Gori

FOLGORE (4-2-3-1):
Bicchiarelli; Sartori, Brolli, Bossa, Nucci; Bezzi, Domeniconi (37’ pt Sacco); Gravina (11’ st Aluigi), Basile, Bernardi; Badalassi (24’ st Innocenti).
A disp.: Raschi, Casadei, Sabbadini, N. Venerucci.
All.: Lasagni

Arbitro: Delvecchio
Assistenti: Mineo – Morisco
Ammoniti: Albani, Muggeo (M); Gravina, Bezzi (F).
Angoli: 4-6
Recupero: 2’ pt, 0’ st

MONTECCHIO – Ossimorica pioggia di gol a Montecchio, dove la Folgore batte il primo colpo e con un eloquente 7-1 regola il Murata. Sotto un sole rovente la squadra di Lasagni impiega venti minuti per aprire il forziere bianconero ma una volta trovato il gol l’incontro diventa a senso unico. Nei restanti venticinque minuti della prima frazione, infatti, Nucci e compagni vanno a segno per ben cinque volte, rendendo così il secondo tempo poco più di una formalità.

VACANZE FINITE Finalmente si riparte: tutti sono concentrati nel partire con il piede giusto, per battezzare al meglio la nuova stagione. L’imperativo è cancellare la clamorosa beffa subita in Europa League e cercare di creare le premesse per poterci riprovare la prossima estate. L’avversario, sulla carta, è di quelli abbordabili, non fosse altro per il periodo negativo da cui è reduce, tuttavia, non bisogna fare affidamento su queste false certezze. Il primo acuto è una ripartenza di Domeniconi, che lancia Bernardi sulla sinistra, il cui tiro viene deviato. La situazione si sblocca dopo venti minuti di sostanziale equilibrio con il suggerimento di Sartori per Badalassi, che ribadisce in rete dopo una corta respinta di Renzetti. La rete dà coraggio alla squadra di Falciano, che insiste e mette in grande difficoltà il Murata. Sponda di Bernardi per Basile, palla a lato di poco. Un minuto più tardi Gravina con un pallonetto supera il portiere ma senza inquadrare lo specchio, il tentativo di tap in però si trasforma in un assist per l’accorrente Basile e il raddoppio è servito.

FOLGORE INARRESTABILE L’inerzia è ormai tutta dalla parte della squadra in maglia rossonera, che tre minuti dopo trova anche il terzo gol con la bella parabola di Antonio Gravina giunta al termine di un’iniziativa personale dell’ex Faetano. Sartori entra nell’elenco dei marcatori andando a segno dagli undici metri per una deviazione con il braccio di Albani su tiro da fuori di Nucci, poi Gravina firma la doppietta personale con un’altra azione personale, dopo aver superato anche Renzetti palla al piede. Al rientro in campo dopo l’intervallo, si gioca a ritmi più bassi, visto il risultato ormai acquisito, ma questo non impedisce a Badalassi di trovare la doppietta: Basile mette in mezzo, il capocannoniere dello scorso campionato raccoglie la sponda di Bernardi e fa 6-0. I bianconeri impegnano Bicchiarelli nei minuti finali e trovano la rete della bandiera grazie ad un calcio di rigore per un intervento di Bezzi su Sosa, falloso secondo Delvecchio, il quale dà così la possibilità a Pieri di andare a segno con il secondo penalty di giornata. Anche Innocenti trova gloria proprio nei secondo finali, intercettando un pallone che coglie di sorpresa la difesa bianconera e che ristabilisce i sei gol di vantaggio: finisce 7-1.

OTTIMO ESORDIO Comincia dunque meglio di quanto ci si potesse attendere il campionato, con una vittoria larga che risponde all’8-0 con cui il Tre Penne ha strapazzato la Virtus ieri pomeriggio. Nel girone A da registrare anche le vittorie di Tre Fiori e Pennarossa, rispettivamente 3-1 sulla Juvenes/Dogana e 1-0 sul San Giovanni. Occorre però tornare subito con i piedi per terra, perché sabato a Domagnano si gioca il big match proprio contro la squadra di Città: i punti in palio sono già pesanti.

Ritorno preliminare di Europa League, SS Folgore 1 – 1 UE Engordany

SS Folgore – UE Engordany 1-1 finale
Marcatori: 42′ st Sacco, 50′ st aut. Sartori

SS FOLGORE (4-2-3-1):
Giannelli; Sartori, Muccini, Marini, Sottile; Bezzi (39′ pt Semeraro), Sacco; Nucci (20′ st Domeniconi), Dormi, Lago (12′ st Bernardi); Badalassi.
A disp.: Temeroli, Aluigi, Gravina, Brolli.
All.: Oscar Lasagni

UE ENGORDANY (4-4-2):
Coca; Rafael Brito, Miguel Ruiz, Cellay, Rodriguez; Peppe (42′ pt Pousa), Bouhama (33′ st Varela), Serra, Spano; Tourè, Gomez (24′ st San Nicolas).
A disp.: Robi, , Guida, Lafont, Figliamonte Layera.
All.: Mengual Prades.

Arbitro: Zbynek Proske (CZE)
Assistenti: Radek Kotik (CZE) – Jiri Kriz (CZE)
Quarto ufficiale: Pavel Orel (CZE)
Angoli: 5-1
Ammoniti: Sacco, Muccini (F); Peppe, Rodriguez, Spano, Pousa (E).

TULLO MORGAGNI (FORLÌ) – È difficile trovare le parole adatte per descrivere quanto è successo: una sfortunatissima autorete di Sartori all’ultimo secondo dei cinque di recupero condanna la Folgore ad un destino atroce e dal Paradiso la rivolta in un incubo fin troppo reale. E dire che la rete di Stefano Sacco a tre minuti dal 90’ sembrava aprire la porta ad un passaggio di turno utopico fino a pochi anni fa.
Dalle parole si passa ai fatti, dagli schemi provati e riprovati in allenamento alla loro realizzazione e dai propositi alla prestazione. In altre parole, ora conta solo il risultato. Il beffardo 2-1 dell’andata costringe ad impostare la partita all’attacco, ma questo non deve essere un motivo di ansia. Gli avversari hanno mostrato dei punti deboli, il che dimostra che è possibile portarsi al tiro e dunque riaprire il discorso qualificazione. A parte Roberto Rosini, il resto della rosa è pronto per una delle serate più importanti della stria del club di Falciano.
Lasagni conferma in toto l’undici che aveva debuttato sette giorni fa, mentre il collega Mengual Prades cambia tre pedine e fa partire titolari Peppe, Bouharma e Serra. I ragazzi entrano in campo con le idee ben chiare, consapevoli di dover fare la partita e non subirla, ma senza per questo perdere la lucidità. Gli andorrani, dal canto loro, impostano invece la loro partita con l’unico obiettivo di non subire gol e portare a casa lo 0-0. L’effetto è una gara giocata da Nucci e compagni con grande personalità e consci delle proprie possibilità, che non vengono meno neanche dopo l’uscita forzata di Bezzi al tramonto del primo tempo. L’assalto alla porta di Coca prosegue con ancora più convinzione nel finale, esaltando il pubblico del Morgagni. Ruiz rischia grosso per un presunto fallo su Badalassi in area e subito dopo Dormi colpisce il palo direttamente da calcio di punizione. Su calcio d’angolo Stefano Sacco svetta di testa e corona la serata con la rete più importante della propria carriera. O meglio, dovrebbe esserlo, perché nel tentativo scomposto di pareggiare l’UE Engordany mette in mezzo un pallone all’ultimo secondo di recupero, Sartori alza la traiettoria che trasforma la festosa attesa per un momento storico in un urlo di incredulità e, poi, di disperazione. Fanno festa solo gli andorrani, applausi a scena aperta comunque per la Folgore.

Live score SS Folgore – UE Engordany

SS Folgore – UE Engordany 1-1 finale
Marcatori: 42′ st Sacco, 50′ st aut. Sartori

SS FOLGORE (4-2-3-1):
Giannelli; Sartori, Muccini, Marini, Sottile; Bezzi (39′ pt Semeraro), Sacco; Nucci (20′ st Domeniconi), Dormi, Lago (12′ st Bernardi); Badalassi.
A disp.: Temeroli, Aluigi, Gravina, Brolli.
All.: Oscar Lasagni

UE ENGORDANY (4-4-2):
Coca; Rafael Brito, Miguel Ruiz, Cellay, Rodriguez; Peppe (42′ pt Pousa), Bouhama (33′ st Varela), Serra, Spano; Tourè, Gomez (24′ st San Nicolas).
A disp.: Robi, , Guida, Lafont, Figliamonte Layera.
All.: Mengual Prades.

Arbitro: Zbynek Proske (CZE)
Assistenti: Radek Kotik (CZE) – Jiri Kriz (CZE)
Quarto ufficiale: Pavel Orel (CZE)
Angoli: 5-1
Ammoniti: Sacco, Muccini (F); Peppe, Rodriguez, Spano, Pousa (E).

STADIO TULLO MORGAGNI (FORLI’) – Si gioca la gara di ritorno del turno preliminare di Europa League tra Folgore e UE Engordany. Si riparte dal 2-1 per gli andorrani dell’andata.
Oscar Lasagni conferma gli undici titolari dell’andata, mentre tra gli ospiti ci sono tre novità: Peppe, Bouharma e Serra.
Tutto pronto al Tullo Morgagni, tra pochi istanti le squadre faranno il loro ingresso in campo. Il terreno è in ottime condizioni, la serata è molto calda ed umida, per cui non è esclusa un time out durante il primo e il secondo tempo.

PRIMO TEMPO
1′ Si parte! La Folgore batte il calcio d’inizio. Squadra di casa con maglia gialla AC&D Solutions, calzoncini e calzettoni neri, ospiti in completo rosso.
1′ Subito una buona giocata di Lago sulla sinistra.
3′ La Folgore ha approcciato la gara nella maniera giusta: deve segnare ma senza farsi prendere dalla frenesia.
6′ I giallorossoneri disimpegnano bene dopo una prolungata fase di pressing avversario.
8′ Cross di Lago, Miguel Riuz svirgola malamente e concede il primo corner della gara.
11′ Pallone profondo, Badalassi ci crede e cerca la porta da posizione molto defilata, invano.
12′ Cross da sinistra di Lago, Cellay anticipa Nucci e manda in angolo.
14′ Buono spunto di Nucci, ma Dormi e Badalassi sono in fuorigioco.
21′ Il gioco ora riserva meno emozioni, con gli ospiti che difendono il vantaggio dell’andata e si fanno vedere poco sulla trequarti.
24′ Ripartenza pericolosa di Tourè, che allarga in direzione di Serra, ma il centrocampista trova una comoda parata di Giannelli.
26′ Prime ammonizioni: prima Sacco poi Peppe per un fallo da tergo su Dormi.
31′ Fallo su Nucci: punizione interessante.
32′ Punizione di Sartori, Bouharma devia in angolo.
33′ Tre corner consecutivi per la Folgore, che non riesce tuttavia a tirare in porta: la partita comunque è in mano ai padroni di casa.
35′ Rafael Brito serve Tourè in sospetta posizione di fuorigioco, la punta sbaglia completamente il tiro e manda sul fondo.
36′ Engordany momentaneamente in 10 perché Tourè sta ricevendo delle cure a bordocampo.
38′ Ottimo sputo di Dormi, che allunga troppo il pallone e non riesce a servire Badalassi.
39′ Tourè di nuovo in campo.
39′ Bezzi costretto ad uscire dal campo, al suo posto dentro Semeraro, autore dell’eurogol dell’andata.
42′ Anche Peppe deve lasciare la partita dopo essersi accasciato al suolo. Viene sostituito da Pousa.
45′ Semeraro mette in mezzo, Badalassi manca per poco l’aggancio con il pallone.
45′ Due minuti di recupero.
46′ Break molto pericoloso di Gomez, che poi si lascia cadere e il direttore di gara lascia proseguire.
47′ Finito il primo tempo.

SECONDO TEMPO
1′ Comincia la ripresa.
2′ Sacco subisce un colpo e resta a terra.
3′ Sacco rientra in campo.
4′ Ammonito Muccini per un brutto fallo su Traorè.
6′ Cartellino giallo anche per Rodriguez, brutta entrata su Semeraro.
9′ Primo angolo per l’Engordany, nulla di fatto.
12′ Secondo cambio per la Folgore: Bernardi per Lago.
13′ Brivido: Rodriguez mette in mezzo, per fortuna non c’è nessuno.
18′ La gara si sta innervosendo, ne fa le spese Spano per un intervento scomposto ai danni di Semeraro.
23′ Gomez mette in mezzo per Pousa, tiro da dimenticare di quest’ultimo.
25′ Ruiz cintura Badalassi in area: rigore? Per il direttore di gara no.
27′ Ottima punizione per la Folgore.
27′ Dormi su punizione colpisce il palo.
32′ Ancora circa un quarto d’ora di speranze.
35′ Badalassi a terra per crampi. Massimo sforzo dei sammarinesi per sbloccare la gara.
41′ GOL FOLGORE!!! Angolo di Sartori, Sacco svetta di testa e segna: 1-0!
42′ Gol meritatissimo: un traguardo incredibile sta per essere raggiunto.
45′ Cinque minuti di recupero, cinque minuti di trepidazione.
47′ L’UE Engordany prova ad avanzare ma la sua manovra non è abbastanza efficace.
49′ Semeraro va vicino al raddoppio, ma da buona posizione non riesce ad essere efficace.
50′ GOL ENGORDANY All’ultimo secondo Sartori sbaglia il disimpegno e manda nella propria porta la condanna: passa l’UE Engordany.

Finale incredibile: quando la qualificazione sembrava cosa fatta una sfortunatissima autorete condanna i sogni di gloria della Folgore. Applausi comunque per tutti.

Andata turno preliminare di Europa League, UE Engordany 2 – 1 Folgore

ENGORDANY – FOLGORE 2-1 (1-0)
Marcatori: 38′ pt Cellay, 27′ st Semeraro, 41′ st Miguel Ruiz

ENGORDANY (4-4-2):
Coca; Ruiz, Cellay, Brito, Wagner; Rodriguez, Pousa, Spano, Gomez; Tourè, San Nicolas (38′ st Figliamonte Layera).
A disp.: Robi, Peppe, Guida, Bouharma, Serra, Varela, .
All.: Josè Luis Mengual Prades

FOLGORE (4-2-3-1):
Giannelli; Sartori, Muccini, Marini, Sottile; Sacco, Bezzi; Nucci, Dormi (20′ st Semeraro), Lago (30′ st Bernardi); Badalassi (39′ st Bianchi).
A disp.: Temeroli, Aluigi, Gravina, Iuzzolino.
All.: Oscar Lasagni

Arbitro: Kàri Jòannesarson À Høvdanum (FRO)
Assistenti: Jan Hermansen (FRO) – Jørleif Djurhuus (FRO)
Quarto ufficiale: Eiler Rasmussen (FRO)
Angoli: 9-4
Ammoniti: Coca, Miguel Ruiz, Tourè (E), Nucci (F).

ESTADI COMUNAL (ANDORRA LA VELLA) – La tentazione di dire che è un risultato non del tutto soddisfacente c’è, non si può negarlo. Sarebbe però ingeneroso nei confronti dei ragazzi che si sono sacrificati nelle ultime settimane e del loro allenatore Oscar Lasagni, capace di renderli un gruppo affiatato, equilibrato e competitivo. Il 2-1 che matura all’Estadio Comunal della capitale andorrana non rende pienamente conto della prestazione degli ospiti, in grado di fare la partita per larghi tratti e di andare vicini al vantaggio in almeno una circostanza con Lorenzo Dormi. Il classico episodio che indirizza la gara arriva al termine di un primo tempo condizionato da una pioggia incessante. Tutto nasce da un fallo di Nicola Marini, che si aiuta con il braccio per difendersi dal pressing di Tourè, in modo falloso secondo Høvdanum e così dalla conseguente punizione di Gomez Cellay cambia il destino del confronto con un’incornata letale per Giannelli. Queste gare sono frutto della preparazione di settimane, per cui non può essere un singolo evento a rovinare tutto e infatti la ripresa vede ancora una volta gli ospiti molto attivi sulla trequarti. Lasagni indovina il cambio e fa entrare Umberto Semeraro, che impiega appena sei minuti per lasciare una firma indelebile. Tutto nasce sugli sviluppi di un corner di Sartori, il neo entrato colpisce perfettamente di collo pieno il pallone che trafigge Coca e manda in paradiso i giallorossoneri. Almeno un gol in trasferta era una delle condizioni necessarie ma non sufficienti per giocarsi la qualificazione a Forlì secondo il pensiero del mister, condiviso anche dai giocatori, ai quali l’1-1 va benissimo visto che costringerebbe gli andorrani a fare la partita nella gara di ritorno. La grinta per il pareggio lascia spazio negli ultimi minuti all’arrembaggio dell’Engordany, che deve però confrontarsi con muro solido. Se le offensive vengono tutte prontamente respinte, è invece un pallone apparentemente meno pericoloso a risultare letale, perché Miguel Ruiz colpisce di testa e, probabilmente con una buona dose di fortuna, trova la traiettoria che inganna Giannelli e, ancora una volta, punisce oltremodo una Folgore generosa. Da una parte il ko impone ovviamente una vittoria nel ritorno, dall’altra però il gol segnato potrebbe fare la differenza, quella differenza necessaria per fissare nella storia i tanti sacrifici fatti. Un fatto è certo: si deciderà tutto tra sette giorni.

 

Live score UE Engordany – SS Folgore

ENGORDANY – FOLGORE 2-1 (1-0) secondo tempo
Marcatori: 38′ pt Cellay, 27′ st Semeraro, 41′ st Miguel Ruiz

ENGORDANY (4-4-2):
Coca; Ruiz, Cellay, Brito, Wagner; Rodriguez, Pousa, Spano, Gomez; Tourè, San Nicolas (38′ st Figliamonte Layera).
A disp.: Robi, Peppe, Guida, Bouharma, Serra, Varela, .
All.: Josè Luis Mengual Prades

FOLGORE (4-2-3-1):
Giannelli; Sartori, Muccini, Marini, Sottile; Sacco, Bezzi; Nucci, Dormi (20′ st Semeraro), Lago (30′ st Bernardi); Badalassi (39′ st Bianchi).
A disp.: Temeroli, Aluigi, Gravina, Iuzzolino.
All.: Oscar Lasagni

Arbitro: Kàri Jòannesarson À Høvdanum (FRO)
Assistenti: Jan Hermansen (FRO) – Jørleif Djurhuus (FRO)
Quarto ufficiale: Eiler Rasmussen (FRO)
Angoli: 9-4
Ammoniti: Coca, Miguel Ruiz, Tourè (E), Nucci (F).

ESTADI COMUNAL (ANDORRA LA VELLA) – Tra pochi minuti le squadre scenderanno in campo. Grande attesa e curiosità per la squadra di Lasagni, già competitiva un anno fa contro Valletta e intenzionata a lasciare il segno anche questa sera.
Si sta abbattendo un acquazzone di forte intensità sul terreno di gioco: la pioggia, prevista, potrebbe provocare qualche difficoltà.
Le squadre stanno entrando in campo sotto una pioggia molto intensa.

PRIMO TEMPO
1′ Comincia UE Engordany – Folgore! 4-2-3-1 per la formazione sammarinese, che conta cinque giocatori all’esordio assoluto. Classico 4-4-2 per i padroni di casa, in campo con la divisa bianconera; per il club di Falciano invece completo grigio con inserti arancione fluo.
3′ Il manto erboso del Comunal è scivoloso e ha già messo in difficoltà i giocatori in campo. I rimbalzi del pallone creano diverse insidie.
4′ Angolo di Spano, Muccini allontana di testa.
7′ Non ci sono ancora state palle gol, per il momento l’incontro è equilibrato.
10′ Il primo tiro in porta è di Sottile, palla centrale e parata di Coca.
12′ Badalassi viene fermato in fuorigioco: la Folgore sta conquistando metri.
14′ La pioggia è calata di intensità.
19′ Gioco fermo perché Muccini, dopo un contrasto, resta a terra.
20′ Il gioco riprende e il difensore torna in campo: nulla di serio per lui.
22′ Grande progressione di Dormi sulla destra: l’ex Rimini supera un avversario e sul tiro in porta guadagna una corcer.
22′ Primo corner anche per la Folgore, Bezzi da due passi per poco manca il colpo di testa.
25′ Brivido: cross di Rodriguez, San Nicolas colpisce di testa ma manda a lato da buona posizione.
27′ Buona punizione sulla trequarti conquistata da Sacco.
29′ Folgore ad un passo dal vantaggio: punizione di Dormi, Coca toglie la palla da sotto la traversa.
30′ Sugli sviluppi del calcio d’angolo Sacco atterra da dietro Wagner, Coca chiede l’ammonizione con troppa veemenza e diventa il primo giocatore sanzionato.
37′ A otto minuti dal termine del primo tempo il risultato resta quello di partenza, con una buona occasione per parte.
38′ GOL ENGORDANY Calcio di punizione di Gomez, Cellay è libero di colpire di testa e battere Giannelli: 1-0.
39′ La punizione che ha portato al vantaggio è stata concessa da un fallo di Marini, che si è aiutato un po’ troppo con il braccio.
43′ Punizione di Sartori, Sacco di testa manda alto.
45′ Un minuto di recupero.
46′ Si chiude qui il primo tempo: 1-0.

Le squadre vanno al riposo con il vantaggio dei padroni di casa grazie alla rete di Cellay al 38′. Un episodio costringe la Folgore ad inseguire ma, vista la buona prestazione di Nucci e compagni, è ancora possibile raddrizzare la situazione.

SECONDO TEMPO
1′ Comincia la ripresa.
5′ Punizione di Dormi per Lago, che manda fuori di poco.
7′ Continua a piovere ma ora meno intensamente.
8′ Sottile supera due avversari sulla sinistra e serve Badalassi, che perde l’attimo giusto per tirare in porta.
10′ Altra iniziativa di Sottile sulla sinistra: la Folgore è rientrata in campo con lo spirito giusto.
18′ Lago commette fallo su Gomez, che resta a terra. I ritmi sono calati negli ultimi minuti.
21′ Prima sostituzione, Semeraro prende il posto di un buon Dormi, vicino al vantaggio nel primo tempo.
23′ Cross di Sartori sul secondo palo, dove il neo entrato Semeraro manca per poco l’aggancio con il pallone.
27′ GOL FOLGORE!!! Angolo di Sartori, un bianconero allontana ma poi Semeraro da fuori inventa un pallonetto perfetto che si insacca: è 1-1!
32′ L’Engordany ora si spinge in avanti alla ricerca del nuovo vantaggio e sta mettendo in apprensione la Folgore, che comunque si protegge bene.
34′ Bernardi, entrato da poco per Lago, supera Miguel Ruiz e mette in mezzo, Cellay allontana.
35′ Il pareggio sarebbe un risultato più che positivo per la Folgore, ma mancano ancora dieci lunghi minuti.
38′ Miguel Ruiz manda a lato di poco.
39′ Cambi esauriti nella Folgore: fuori Badalassi dentro Bianchi.
41′ GOL ENGORDANY Miguel Ruiz sfrutta l’assist di Cellay e manda alle spalle di Giannelli.
45′ Tre minuti di recupero.
47′ Doccia fredda per la squadra di Lasagni.
48′ Termina qui: Engordany – Folgore 2-1