S.S. Folgore Calcio

addstampa

S.S. Folgore Calcio > Articoli di: Addetto Stampa

4’ g 2’ fase di campionato, Folgore 0 – 0 Murata

FOLGORE – MURATA 0-0

FOLGORE (4-2-3-1):
Venturini; Sartori, Brolli, Lessi, Nucci; Bezzi, Domeniconi (34’ st Berardi); Semeraro (15’ st Serafini), Dormi, Bernardi (28’ st Altissimi); Badalassi.
A disp.: Raschi, Venerucci, Della Valle, Innocenti.
All.: Oscar Lasagni

MURATA (3-5-2):
Renzetti; Ortibaldi, Albani, Diedhiou, Muggeo, Cecchetti, Fall, Neri, T. Cavalli; Sosa, Gomez Lopez (32’ st Pieri).
A disp.: Meroi Gennari, Vagnetti, Venerucci, Di Filippo, N. Cavalli, Nanni.
All.: Massimo Gori

Arbitro: Villa
Assistenti: Calapai – Bernardini
Quarto ufficiale: Ercolani
Ammoniti: Lessi (F); Pieri, Albani (M)
Angoli: 4-5
Recupero: 2’ pt, 4’ st

MONTECCHIO  – Termina senza reti il primo impegno ufficiale della Folgore, che non va oltre lo 0-0 contro il Murata. Un punto stretto per la squadra di Oscar Lasagni, capace di creare diverse palle gol e di spingere gli avversari nella propria metà campo ma non abbastanza incisiva per passare in vantaggio. Ad onor del vero, Lorenzo Dormi si vede annullata per fuorigioco la conclusione vincente nel corso del primo tempo. Nucci e compagni, in vista del big match contro il Tre Fiori di sabato prossimo, si devono quindi accontentare di muovere la classifica.

La prima gara ufficiale del nuovo anno presenta diverse novità tra i giallorossoneri, con Venturini in porta al posto dell’infortunato Bicchiarelli, Lessi in difesa, Semeraro e Dormi sulla trequarti a dare manforte a Badalassi. Con tre punti conquistati nella  seconda fase, frutto di una vittoria e due sconfitte, è molto importante cominciare subito bene e possibilmente cercare di recuperare terreno sulle prime tre del Q1. Anche i bianconeri hanno tre punti all’attivo e si giocano le stesse chance di lottare per un buon piazzamento per i playoff. I due organici sono comunque di diverso valore e il club di Falciano parte con i favori del pronostico. La gara si rivela però più equilibrata del previsto: la Folgore costruisce di più ma il Murata si chiude e punge con le ripartenze. Attorno alla mezzora Lorenzo Dormi, tornato dopo l’esperienza estiva in Europa League, trova il gol su assist di Luca Bezzi, per Villa però si tratta di fuorigioco e la rete viene annullata. Si va così all’intervallo sul risultato di partenza e con i propositi di passare in vantaggio posticipati alla ripresa. Dormi ha un’altra palla gol sulla punizione di Sartori, Renzetti è reattivo e salva sulla linea mandando in corner. Si vede anche il Murata, che, nonostante sembra accontentarsi del pareggio, non rinuncia a spingersi in avanti quando trova un varco, come mostra l’azione che porta al tiro di Gomez Lopez, deviato sulla traversa da Venturini. L’ultimo sussulto è anche il momento forse più favorevole per segnare e arriva nei secondi conclusivi con l’assist di Altissimi per Badalassi, il quale alza troppo la mira e da due passi manda alto.

Andrea Contato carica la Folgore: “Quest’anno possiamo raggiungere grandi obiettivi”

Andrea Contato è un giocatore molto importante per la Folgore futsal. Il giovane, classe 1998, è entrato nel mondo del calcetto dopo una prima parte di carriera nel calcio a 11, ambientandosi subito bene e soprattutto dimostrando un potenziale importante. “Un ottimo inizio di stagione – commenta il laterale -, sono arrivato quest’anno, però penso che comunque il gruppo si sia compattato molto. Questa cosa, oltre a quello che ha fatto il mister, penso che ci abbia aiutato a raggiungere questi risultati molto positivi rispetto a quello che si era fatto l’anno scorso. Cosa è cambiato? La compattezza del gruppo e il fatto che un mister sia riuscito ad influire sul gruppo con le sue idee”, ribadisce Contato.

Oltre all’allenatore Fabio Traviglia, sono risultati decisivi gli innesti di Massimiliano Bernardi, Nicola Giorgini e, appunto, Andrea Contato. Il ventenne però è umile: “Soprattutto Bernardi e Giorgini, non dico che io sia stato decisivo, però ho contribuito alla crescita del gruppo. Sono contento perché ho estrapolato le mie potenzialità per aiutare il gruppo e sono contentissimo, almeno sono riuscito a raggiungere degli obiettivi che con la Folgore a 11 non ero riuscito ad vivere da protagonista.

Ho fatto quattro gol, sono sicuro di poter fare molto di più. Ho bisogno di più sicurezza in me stesso ma ho fatto una buona prima parte di campionato e so che posso fare molto di più nel corso della seconda parte che porta ai playoff. Non mi interessa fare chissà quanti gol, però voglio almeno contribuire a livello di assist, di difesa e a livello complessivo e di riuscire a portare questa squadra alla vittoria di un possibile campionato e di una possibile Coppa”.

La Folgore è andata alla pausa forte del secondo posto nel girone A dietro al Fiorentino e i playoff sono alla portata: “In campionato abbiamo detto la nostra, nessuno se lo aspettava. Avevo già detto l’anno scorso ad alcuni dei miei compagni che sarebbe stato un obiettivo possibile perché a questi livelli basta poco per arrivare a grandi obiettivi e quest’anno sono molto possibili”.

Folgore Futsal, Mirko Sarti annuncia i colpi di mercato

La stagione di futsal è ferma per la pausa invernale e riprenderà in febbraio. Chi invece sta lavorando è Mirko Sarti: il direttore sportivo della Folgore è attivo sul mercato per rinforzare ulteriormente una formazione che finora ha sorpreso tutti. “Non c’è bisogno di stravolgere la squadra – spiega il ds – perché alla fine meglio di così non si poteva fare. Andremo a prendere un portiere (Lorenzo Bizzocchi, proveniente dal Faetano, ndr), perché praticamente abbiamo solo Otta (Mirko Ottaviani, ndr), poi prenderemo Edoardo Menghini, un ragazzo 2003 molto bravo che è nel gruppo e ci sta molto bene, crescerà e in futuro potrà essere un buon giocatore. Siamo anche in trattativa con un pivot, a noi serve davanti uno che dia il cambio a Gennari (Alessandro Gennari, ndr).

Nessuno se le aspettava tutte queste vittorie e poi soprattutto abbiamo un gioco molto evoluto, nel senso che costruiamo molto davanti e perciò è una sorpresa anche per me. Noi pensavamo di fare dei buoni risultati, lottando per i playoff e invece ci siamo dentro. Logicamente la matematica ancora non dice che siamo ai playoff ma siamo molto vicini al traguardo”.

Il 2019 si aprirà con le prime cinque giornate di Futsal Cup, una competizione nuova nella quale tutti partono da zero, motivo per cui è necessario partire subito bene. Per Sarti però la priorità è il campionato: “È inutile nasconderci, il nostro obiettivo è andare ai playoff, terzi, secondi o primi non lo so, ma ripeto il nostro obiettivo adesso è andare ai playoff in campionato. Noi visto che abbiamo dimostrato di essere competitivi in campionato vorremmo andare ai playoff anche in Coppa, ci proviamo. La società non ci ha imposto niente, ci ha chiesto di fare un’ossatura per i prossimi anni e perciò l’obiettivo è andare ai playoff in campionato”.

Quest’anno il Fiorentino a detta di molti è la squadra favorita, perché ha molti giocatori forti ed esperti. La Folgore è invece un’outsider ma si giocherà comunque le proprie carte: “Io credo che potremmo andare molto lontano, vincere non lo so perché c’è una squadra molto forte come il Fiorentino che è stato costruito per vincere. Loro sono costretti a vincere, noi no e questo potrebbe essere un vantaggio nostro. Per il resto siamo contenti, questa è una sorpresa per tutti, dobbiamo continuare su questa strada, in futuro potremmo avere delle grosse soddisfazioni”.

Massimiliano Bernardi, capocannoniere con 21 gol: “Ho fatto il possibile per la squadra”

Massimiliano Bernardi è il capocannoniere del campionato sammarinese di futsal. Con 21 reti l’universale ha letteralmente trascinato la Folgore alla conquista di ben 30 punti sui 33 disponibili. “Ho fatto il possibile per la squadra. Ho fatto 21 gol, non è solo grazie a me ma anche grazie alla squadra. Avevo fatto una scommessa con Mirko (Sarti, il ds, ndr) che ne avrei fatti 15, ne ho fatti sei in più, ho vinto io! (ride, ndr)”.
Massimiliano, Max per gli amici, ha sempre fatto parte della squadra di Falciano e solo a settembre è passato dal calcio al futsal, in ritardo di un anno per problemi burocratici. “Io sono sempre stato della Folgore, fin dalle giovanili ero nel calcio a 11. Volevo smettere perché mi ero stancato e sono rimasto qua alla Folgore, legato a vita. L’anno scorso dovevo far parte della squadra ma ero tesserato nel calcio a 11 e non hanno potuto tesserarmi, mi sono allenato comunque per capire come funzionava il calcio a 5 e quest’anno ero già pronto”.
La seconda parte di stagione comincerà in febbraio con la Futsal Cup, per cui sarà molto importante partire con il piede giusto. Il ventunenne ne è consapevole e spiega che la Folgore può andare avanti in entrambe le competizioni, per poi concentrarsi su se stesso e sul rapporto con l’allenatore. “La Folgore potrà puntare ai playoff anche in Coppa. La prima col Fiorentino sarà molto difficile però ce la possiamo fare. Obiettivi personali? Spero di fare altri 21 gol. Traviglia? È un grande, è bravissimo sia fuori dal campo che in campo durante gli allenamenti e le partite”.

Al Bar Amici la Folgore festeggia la fine del 2018

Ieri sera al Bar Amici di Rovereta si è svolta la consueta cena di Natale della Folgore, un momento conviviale per festeggiare insieme gli ultimi successi, in particolare la grande rimonta in Coppa Titano contro il Cosmos di domenica scorsa.
Il Presidente Renato Capellini ha rivolto un breve discorso alla squadra: “Io volevo ringraziare tutti voi perché in questi anni che abbiamo passato insieme mi rendo sempre più conto che abbiamo fatto un gruppo veramente forte, quindi sicuramente avremo dei risultati ancora più importanti di quelli che abbiamo ottenuto. Grazie a tutti, auguri a voi e alle vostre famiglie!”. Auguri rivolti anche a Mauro Duca, che non è potuto essere presente alla cena. L’amministratore delegato di AC&D Solutions sta perfezionando l’entrata nel direttivo della Folgore e dalla collaborazione tra il club e l’azienda informatica stanno nascendo progetti importanti per il prossimo futuro.
Ieri sera è stata anche l’occasione per presentare i nuovi giocatori che da gennaio entreranno a tutti gli effetti a far parte della squadra di Falciano: si tratta degli ex Umberto Semeraro, Luca Rossi e Lorenzo Dormi, ai quali vanno aggiunti Matteo Serafini, Stefano Lessi, Piergiorgio Altissimi e Stefano Sartini.
La Folgore, oltre ad AC&D Solutions, ringrazia anche gli altri main sposor, Colorificio Sammarinese e Game People per il concreto supporto nella costruzione di una squadra che sia sempre in linea con le aspettative della società e augura a tutti buon Natale e sereno 2019.

 

 

Folgore molto attiva sul mercato, ecco i nuovi acquisti

La stagione è ferma per la pausa invernale ma in casa Folgore si lavora per rinforzare la squadra in vista della ripresa in gennaio. Il mercato in entrata fa registrare alcuni ritorni importanti: si tratta dei centrocampisti Umberto Semeraro e Luca Rossi, che tornano a vestire la maglia giallorossonera. Il primo, nato nel 1992 e proveniente dalla Libertas, ha disputato la scorsa estate i preliminari di Europa League con la squadra di Falciano segnando nella gara di andata e nella prima parte di stagione con i granata è stato autore di 3 gol. Il secondo, invece, di venticinque anni, torna nella formazione in cui è cresciuto dopo il prestito alla Juvenes/Dogana. Accordo raggiunto anche con Stefano Lessi, difensore classe ’90 proveniente dal San Giovanni, con un’importante esperienza in eccellenza, dove ha giocato per diversi anni col Cervia, con la Savignanese e la scorsa stagione con il Diegaro e il San Pietro in Vincoli. Un altro arrivo è quello di Matteo Serafini, centrocampista ventiquattrenne che ha disputato le ultime tre stagioni con il Fya Riccione, con cui ha conquistato la promozione in eccellenza nel 2015/16.

Molto vicino l’accordo con altri tre giocatori, a partire dall’ex Lorenzo Dormi, anche lui aggregato alla Folgore nell’ultimo impegno europeo. Il centrocampista ventitreenne ha giocato la prima parte di stagione nel Cosmos, segnando due reti. Manca solo la firma anche per Piergiorgio Altissimi, attaccante classe ’94, che lo scorso anno ha giocato in serie D con il Potenza e che attualmente è svincolato. È in arrivo invece dal Giovane Cattolica (eccellenza) il diciottenne Stefano Sartini, difensore Nazionale under 19.

Giacomo Mainardi: “Il mister ci dà tanta fiducia, siamo cresciuti come gruppo”

Giacomo Mainardi si gode la pausa natalizia. La Folgore futsal, dopo aver disputato un’ottima prima parte di stagione, può permettersi alcuni giorni di riposo e il laterale non nasconde la gioia per quanto fatto finora: “Siamo molto soddisfatti di questo inizio di campionato, non ce l’aspettavamo neanche noi. Anche se queste vittorie sono arrivate non penso che adesso possiamo abbassare la guardia, perché il nostro girone è il più difficile e si è visto anche nell’intergirone dal momento che tutte le squadre del nostro girone hanno vinto e quindi ancora bisogna spingere sul gas. Il mister ci dà tanta fiducia e ci ha fatto crescere molto, siamo cresciuti come gruppo e sono contento di questo”. Il costante e progressivo miglioramento lo ha riguardato da vicino: “Personalmente ritengo, grazie anche al mister e ai miei compagni ovviamente, di essere cresciuto abbastanza però si può sempre migliorare, soprattutto in fase realizzativa che è una mia pecca personale ma ci stiamo lavorando”.

Oltre al tecnico Fabio Traviglia, gli acquisti hanno permesso di rendere la Folgore una squadra competitiva: “Gli innesti sono stati determinanti, soprattutto Max (Massimiliano Bernardi, ndr) e Giorgini (Nicola Giorgini, ndr), che hanno contribuito in fase realizzativa, la nostra pecca dell’anno scorso. Finalmente grazie a loro si è riuscito a vedere questo cambiamento e grazie anche al mister che ci ha dato una grande mano nella costruzione del gioco. I playoff sono sicuramente alla portata però la stagione è lunga e ancora c’è il girone di ritorno e tutto è da vedere. Siamo avvantaggiati rispetto ai nostri avversari in questo momento però niente è scontato, come in Coppa”.

Già, la Coppa Titano, che aprirà il 2019 con le prime cinque giornate della fase a gironi. La formula prevede due gruppi da sette squadre con gare di sola andata e qualificazione per le prime tre di ogni raggruppamento. “La Coppa è una partita secca ogni volta, ne sbagli una e mandi in frantumi tutto il tuo percorso. Sicuramente adesso bisognerà rilassarsi un attimo ma ripartire in quarta perché la Coppa è tosta e non bisogna sottovalutarla se si vuole arrivare ai playoff anche lì”.

Futsal, la Folgore sorprende tutti ma Fabio Traviglia è chiaro: “Bisogna lavorare sul discorso mentale”

“Il bilancio è sicuramente positivo, siamo partiti con poche aspettative, nel senso che volevamo fare bene volevamo dare fastidio un po’ a tutte le squadre. La squadra era giovane, volevamo crescere, sono arrivate dieci vittorie su undici, non se l’aspettava nessuno”. Fabio Traviglia è ovviamente molto contento quando ripensa alla prima parte di stagione, chiusa al secondo posto nel girone A dietro al Fiorentino. Il tecnico della Folgore, arrivato in agosto, ha costruito un gruppo competitivo, che è cresciuto tanto grazie anche agli innesti di Massimiliano Bernardi, Andrea Contato e Nicola Giorgini.

“Siamo molto contenti, la squadra è unita e a questo punto direi che cullare un sogno playoff non è impossibile, ci dobbiamo credere perché siamo lì. È chiaro che ci sono squadre più esperte di noi, il Fiorentino quest’anno è sicuramente è la squadra da battere e salvo clamorosi imprevisti vincerà il campionato, però diciamo che al momento abbiamo colmato il gap con le squadre più forti anche se ritengo che squadre come il Tre Penne, il Murata, il Pennarossa e la Juvenes siano un gradino avanti a noi. Noi però ci siamo e ce la vogliamo giocare. Se continuiamo su questo percorso i playoff non sono una chimera e poi dopo una volta arrivati ai playoff proviamo a giocarcela, perché no, con tutti”.

Rispetto l’anno scorso le cose sono decisamente migliorate ma ben pochi potevano auspicare un inizio così forte con 30 punti conquistati su 33 disponibili. Una continuità che non si sarebbe aspettato nemmeno l’allenatore: “Siamo partiti sapendo che il girone era durissimo e forse questo è stata la nostra forza, nel senso che forse gli altri ci hanno sottovalutato e per noi è stato un vantaggio. Non ce l’aspettavamo però effettivamente vedo le partite dei giocatori: c’è qualità, c’è voglia di sudare, siamo molto giovani quindi abbiamo anche un buon ritmo e questo è un grosso vantaggio, secondo me dobbiamo portarcelo fino alla fine”.

Tuttavia, l’età media molto bassa e l’inesperienza possono costituire potenzialmente due elementi di debolezza, per cui è necessario rimboccarsi le maniche: “Bisogna lavorare sul discorso mentale nel senso che non dobbiamo assolutamente pensare di essere arrivati. Questo lo dico sempre ai ragazzi, lo ha dimostrato anche la partita contro il Tre Fiori: vincevamo 4-0, abbiamo abbassato il ritmo, il Tre Fiori è una squadra esperta e si è portata sul 4-3 (la partita è poi terminata 5-3 per la squadra di Falciano, ndr). Se noi pensiamo che siamo più forti degli altri non andiamo da nessuna parte, se pensiamo invece che siamo più deboli ma che col lavoro possiamo arrivare al pari degli altri allora possiamo giocarcela con tutti”.

L’inserimento del tecnico all’interno della squadra è stato ottimo fin da subito e fonte di soddisfazioni: “I ragazzi danno molte emozioni perché comunque molti di loro non hanno mai giocato a calcio a 5 e vedere che hanno voglia di apprendere e che in campo mettono in pratica quanto imparato per me questa è l’emozione più grande. Quando un allenatore nuovo arriva in un gruppo nuovo che magari non ha molta esperienza e vede che comunque quei ragazzi sono dalla parte del mister e dei compagni, questo penso che sia la cosa più bella”.

Ritorno quarti di Coppa Titano, Folgore 5 – 0 Cosmos (dts)

FOLGORE – COSMOS 5-0 dts (2-0)
Marcatori: 31’ pt Badalassi, 8’ st Della Valle, 2’ pts aut. Canini, 13’ pts Sartori, 16’ sts Domeniconi

FOLGORE (4-2-3-1):
Bicchiarelli; Sartori, Brolli, Bossa, Nucci; Sacco, Domeniconi; Venerucci (19’ st Innocenti), Della Valle (1’ sts Casadei), Bernardi (9’ pts Berardi); Badalassi.
A disp.: Raschi, Bezzi, Perrino.
All.: Oscar Lasagni

COSMOS (4-3-3):
Gregori; Colonna, Grossi, Grassi, Neri; Giovagnoli (17’ st Bonfigli), Cervellini, Zonzini; Bianchi, Dormi, Canini.
A disp.: Giulianelli, Molinari, Guerra, Cavalli, Zaghini, Rosti.
All.: Giancarlo Carnevali

Arbitro: Ascari
Assistenti: Ercolani – Zaghini
Quarto ufficiale: Cenci
Ammoniti: Bossa, Della Valle, Bernardi, Nucci (F); Giovagnoli, Cervellini, Neri, Zonzini, Colonna (C).
Espulso: Zaghini al 27’ st dalla panchina per proteste
Angoli: 11-1
Recupero: 1’ pt, 4’ st, 1’ pts, 2’ sts

DOMAGNANO – “Si sente, si sente, la Folgore è presente!”: il coro si leva unanime dallo spogliatoio al termine di una grande prestazione che assomiglia ad un piccolo capolavoro. La rimonta dopo lo 0-2 dell’andata dei quarti di Coppa Titano contro il Cosmos era possibile ma si presentava come un compito difficile e che richiedeva di limitare al minimo gli errori. Cosa che puntualmente si verifica: il derby di Serravalle viene deciso ai supplementari, quando i giallorossoneri mettono la freccia e con ben tre reti nei due quarti d’ora aggiuntivi conquistano l’accesso alle semifinali.

ATTACCARE Nucci e compagni devono fare la partita e inevitabilmente concedono degli spazi alle ripartenze avversarie, come quella che porta Alessandro Bianchi in zona tiro, palla deviata in angolo. Due minuti più tardi l’ex Folgore si trova di nuovo davanti a Bicchiarelli e fallisce clamorosamente il tap in da dentro l’area piccola. È chiaro che qualche rischio bisogna prenderselo ma ne vale la pena, perché le progressioni di Nucci sulla sinistra sono irresistibili e fanno la differenza. Alla mezzora il capitano mette in mezzo e trova la testa di Imre Badalassi, che dimezza lo svantaggio e toglie le certezze ai gialloverdi. Gregori è super sull’incornata dell’ex Tre Fiori, da rivedere invece ad inizio ripresa quando, sul cross di Nucci, non trattiene il pallone colpito da Achille Della Valle e lo fa entrare in rete. La partita ovviamente cambia e ora i giallorossoneri puntano al sorpasso. Il momento più probabile per evitare i supplementari si presenta sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto veloce, Nucci crossa per Badalassi, che colpisce il palo e poi un difensore allontana sulla linea.

EXTRA TIME Il punteggio non cambia e si va così ai supplementari, con la Folgore che continua a spingere e a mettere alle corde un Cosmos in evidente difficoltà. Servono appena due minuti per far cambiare il punteggio: Canini di testa indirizza nella propria porta un cross di Sartori e spiana la strada ai “cugini”. Che replicano con la straordinaria punizione di Francesco Sartori, con la palla che scavalca la barriera e si infila sotto l’incrocio dei pali. Ad acuire ulteriormente il divario ci pensa Marco Domeniconi con un semplice tap in sotto misura che vale il definitivo 5-0, un risultato che rende il merito all’ottima prestazione con cui si è chiuso il 2018.

ARRIVEDERCI AL 2019 La pausa natalizia si annuncia dunque decisamente lieta, ponendo le giuste premesse per cominciare al meglio il 2019. La semifinale contro il Tre Penne, programmata per il prossimo aprile, è un appuntamento importante ma prima bisognerà concentrarsi sul campionato. Intanto, però, ci si può godere questo successo: si sente, si sente, la Folgore è presente!

12’ g campionato futsal, Tre Fiori 3 – 5 Folgore

TRE FIORI –  FOLGORE 3-5 (0-4)
Marcatori: 10’ pt Zanchi, 11’ pt, 27’ pt Bernardi, 22’ pt Contato, 2’ st Santi, 6’ st Sammarini, 11’ st Simoncini, 26’ st Giorgini

TRE FIORI: M. Pelliccioni, Santi, Simoncini, Michelotti, Sammarini.
A disp.: Macina, Longoni, M. Gennari, Manzaroli, Agostini, Casadei, Burgagni, Rossini.
All.: Massimiliano Spada

FOLGORE: Ottaviani, Mainardi, Zanchi, Bernardi, A. Gennari.
A disp.: Conti, Tassitano, Contato, A. Pelliccioni, Giorgini, Allasia.
All.: Fabio Traviglia

Arbitro: Delvecchio
Assistente: Tura
Espulso: 19’ st Simoncini per proteste

FIORENTINO – La Folgore festeggia il Natale come meglio non poteva: nell’ultima gara del 2018 arriva un altro meritato successo contro il Tre Fiori per 5-3. La decima vittoria stagionale si decide grazie ad un ottimo primo tempo e al gol di Giorgini che nel finale blocca il tentativo di rimonta dei gialloblù.

Il vantaggio giunge in maniera rocambolesca, perché Bernardi riesce a tenere in campo il pallone e a cercare la porta dalla linea di fondo, Pelliccioni non trattiene il pallone e allora ne approfitta Alberto Zanchi per superare agevolmente il portiere con una finta. Alla ripresa del gioco i giallorossoneri recuperano subito il pallone, Massimiliano Bernardi scatta sulla sinistra e con un diagonale preciso trova il varco tra il primo palo e l’estremo difensore. Una ripartenza fulminea innesca il tris: Bernardi allarga sulla destra in direzione di Giorgini, che vede libero Contato, palla al numero 7 e facile gol a porta vuota.

Lo stesso Bernardi insiste e da posizione defilata lascia partire la conclusione vincente che manda le squadre al riposo sul 4-0. Sembra tutto semplice ma non è così: l’inizio ripresa è traumatico e il Tre Fiori comincia la rimonta. In poco più di dieci minuti Santi, Sammarini e Simoncini rimettono in discussione il risultato. Mainardi, Zanchi e Bernardi falliscono delle buona occasioni, ma anche la squadra di Fiorentino va vicina al gol con il palo colpito da Michael Simoncini, espulso in seguito per proteste.

La Folgore non approfitta dell’uomo in più e anzi rischia qualcosa. Ci pensa allora Nicola Giorgini con un preciso pallonetto a chiudere i conti e rendere vano il tentativo di rimonta. Termina 5-3, un risultato che farà passare la feste alla Folgore con il sorriso sulle labbra.