S.S. Folgore Calcio

Daily Archives: 19 aprile 2019

S.S. Folgore Calcio > 2019 > aprile > 19

Finale di Coppa Titano, Tre Fiori 1 – 0 Folgore

TRE FIORI – FOLGORE 1-0 (1-0)
Marcatori: 20’ pt N. Castro

TRE FIORI (4-3-1-2):
Simoncini; Bologna, Zaccardo, Lusini, M. Castro; Tamagnini, Pestrin, N. Castro; Giardi (18’ st Massaro); Apezteguia (36’ st Succi), Compagno.
A disp.: Battistini, N. Della Valle, Pracucci, Vassallo, De Angelis.
All.: Matteo Cecchetti

FOLGORE (4-2-3-1):
Venturini; Sartori, Brolli, Bossa (29’ st L. Rossi), Nucci; Sacco (33’ st Serafini), Bezzi; Dormi, Domeniconi, Bernardi (37’ st Innocenti); Badalassi.
A disp.: Russo, Lessi, Aluigi, Venerucci.
All.: Oscar Lasagni

Arbitro: Ceccarelli
Assistenti: Guidi – Ercolani
Quarto ufficiale: Mineo
Addizionali: Ucini – Cenci
Ammoniti: Pestrin, N. Castro, Compagno (TF); Sacco, Bossa, Domeniconi (F).
Espulso: M. Castro al 46’ st per un grave fallo di gioco
Angoli: 3-4
Recupero: 1’ pt, 4’ st
Note: Venturini respinge un rigore a Compagno al 28’ pt

MONTECCHIO – Con grande onore la Folgore cede il passo al Tre Fiori, che, con un gol di Nicolas Castro, conquista la Coppa Titano. Nucci e compagni ci credono fino alla fine, non si disuniscono dopo l’iniziale svantaggio e prendono fiducia grazie al rigore parato da Venturini. Purtroppo però non basta per indirizzare il match in un altro percorso.

PRESENZE ECCELLENTI Sotto gli occhi di Sua Eccellenza Michele Muratori, del presidente FSGC Marco Tura e del Segretario di Stato allo Sport Marco Podeschi, le due protagoniste della scorsa estate europea si danno battaglia per ottenere il primo pass utile per i prossimi preliminari. La mente torna a quel 30 aprile 2015 tanto caro alla società di Falciano, quando venne posto il primo mattoncino di uno storico triplete. Della finale di Coppa 2014/2015 contro il Murata – vinta con un netto 5-0 – l’unico reduce è Francesco Sartori. A quattro anni di distanza, Oscar Lasagni ha la concreta possibilità di calcare le orme del collega Nicola Berardi e può cercare di farlo nel migliore dei modi, potendo contare su tutti tranne lo squalificato Semeraro. I primi minuti, però, fanno intuire che il Tre Fiori non è arrivato in finale per caso, perché i gialloblù si posizionano molto bene e con un atteggiamento propositivo prendono l’iniziativa. Da rivedere l’intervento di Venturini sul tiro di Apezteguia, il pallone, non trattenuto, giunge nella disponibilità di Nicolas Castro, che di prima gonfia la rete. L’occasione di riscatto per l’estremo difensore giunge sul rigore decretato da Ceccarelli per un dubbio fallo di mano di Sacco: Compagno dagli undici metri non angola abbastanza e si vede respingere il penalty. La Folgore cerca di guadagnare metri per ottenere una manovra più efficace ed ariosa e i risultati, un po’ alla volta, si vedono. Simoncini risponde presente su Badalassi, poi l’occasione più ghiotta capita sulla testa di Bernardi, che non dà l’effetto giusto al cross di Nucci e vanifica il potenziale pareggio. Mister Cecchetti sa che il minimo vantaggio in una finale è prezioso e fa chiudere i suoi giocatori nella propria metà campo con il doppio intento di proteggere l’1-0 e di colpire in contropiede. Gli spunti più concreti per il pari arrivano con tiri dalla distanza e su punizione ma l’estremo difensore ex Libertas non è mai chiamato direttamente in causa. Compagno spaventa con un paio di ripartenze, anche esse imprecise nell’esito e la minaccia di chiudere la partita resta solo tale. Un brutto e gratuito fallo di Matias Castro fa estrarre il rosso al direttore di gara ed è il segnale che il massimo sforzo della Folgore qualche apprensione tra i gialloblù la crea. La segnalazione di fuorigioco su Badalassi risulta l’ultima speranza prima della resa: la Folgore rivendica il credito con la fortuna e, come l’anno scorso in campionato, si ferma ad un passo dal titolo.

AVANTI Non è però finita qui: dopo le vacanze pasquali, infatti, si torna a fare sul serio con i quarti di finale di campionato. Si ripartirà dunque dal big match contro il Tre Penne per onorare fino in fondo la stagione e renderla degna di essere ricordata.

20′ g campionato, Folgore 3 – 3 Pennarossa

FOLGORE – PENNAROSSA 3-3 (1-2)
Marcatori: 3′ pt Brighi, 11′ pt Zanchi, 23′ pt Renzi, 3′ st A. Macina, 6′ st, 13′ st Zamboni

FOLGORE: Ottaviani, Conti, Mainardi, Pelliccioni, Contato, Tassitano, Bernardi, Giorgini, Bizzocchi, Zanchi, Menghini, Zamboni.
All.: Fabio Traviglia

PENNAROSSA: Guidi, Putti, F. Macina, Tomassoni, Cappelli, Renzi, Giovannini, A. Macina, Brighi, Ciacci, Casadei.
All.: Matteo Selva

Arbitro: Tonelli
Assistente: Ercolani
Ammoniti: Giorgini, Zanchi (F); Guidi, Giovannini (P).

ACQUAVIVA – La Folgore va sotto due volte ma, grazie al carattere che la contraddistingue, riesce a rialzare la testa e strappare al Pennarossa un risultato positivo: la penultima giornata di regular season termina 3-3, un punteggio che taglia fuori i biancorossi dai playoff. I ragazzi di Traviglia tornano in campo a due settimane dall’ultimo impegno ufficiale e dopo soli tre minuti si ritrovano ad inseguire la rete di Brighi. Alberto Zanchi risponde presente e ristabilisce la parità ma il Pennarossa va all’intervallo in vantaggio grazie al gol di Renzi e ad inizio ripresa Alberto Macina raddoppia il divario. Ecco che allora esce fuori il carattere della squadra di Falciano e Federico Zamboni raddrizza la situazione con una bella doppietta che, se per i suoi risulta ininfluente ai fini della classifica, condanna invece gli avversari, costretti a vincere per sperare nel terzo posto.
Martedì sera a Dogana alle 21:45 con Folgore – San Giovanni si chiude la fase a gironi del campionato di futsal, ultimo atto prima della fase finale.