S.S. Folgore Calcio

Daily Archives: 12 aprile 2017

S.S. Folgore Calcio > 2017 > aprile > 12

Giuseppe Taddei all’esordio: “Una grandissima emozione”

È uno degli ultimi arrivati in casa Folgore, ma ormai la fase di ambientamento l’ha superata senza problemi: stiamo parlando di Giuseppe Taddei, giovane portiere classe 1992, al debutto domenica scorsa con la squadra di Falciano. “È stato molto molto bello, non me lo sarei mai aspettato, sono molto contento perché sin dall’inizio c’è stato un super gruppo e mi sono riuscito ad adattare subito bene. C’è stata parecchia emozione, quando sono entrato in campo ho avuto incoraggiamenti da parte di tutti: è bello anche così, è un super gruppo e siamo tutti uniti. Sono stati 15 minuti in cui, a parte due calci d’angolo e un tiro in porta, per fortuna non c’è stato più di tanto, perché entrare a partita iniziata non è facile. Sono pronto, anche domani sera (in campionato contro il Tre Penne, ndr) nel caso ce ne fosse bisogno, visto che Bicchiarelli non sta benissimo”.

Per l’estremo difensore, entrato a sorpresa nel corso di Folgore – Pennarossa, le parole chiave sono coesione e organizzazione: “È un gran bel gruppo, sia giovani che un po’ più grandi. Devo fare un grande ringraziamento al preparatore (Damiano Vannucci, ndr) che fin da subito mi ha aiutato veramente tanto e anche all’allenatore (Nicola Berardi, ndr) che è super, ma anche a tutta la società, perché chiunque ha una parola di conforto: c’è della gran gente che lavora dietro, che aiuta e dà una mano, sempre lì ad incoraggiarti, vengono sempre agli allenamenti, a volte hanno critiche, a volte parole che fanno piacere, è molto bella come cosa”.

Domani si gioca l’ultima giornata di campionato e il calendario prevede Folgore – Tre Penne, una partita che potrebbe ripetersi anche nei playoff: “Sicuramente nessuno scende in campo per perdere, anche per i prossimi incontri di Coppa e per allenarsi e trovare tutto quello che ci si aspetta da questi playoff”. Il pensiero però corre ai quarti di finale di Coppa Titano contro il Faetano di giovedì 20 aprile. “La partita dura 90 minuti e può succedere di tutto, quindi non bisogna calare la concentrazione e partire con lo spirito di aver già vinto e pensare che sia facile. In 90 minuti può succedere di tutto, bisogna entrare in campo come se fosse una finale già da adesso e andare avanti così, senza abbassare la guardia”.

Giacomo Santi

Addetto stampa